BORN TO BURN LIES

Musica e cinema secondo le deviate menti di Krynor & Maurice
Recent Tweets @borntoburnlies

Invito tutti i nostri lettori amanti della musica a conoscere, e magari (fantastico) contribuire alla nascita di un movimento, sì, quasi di protesta.

Due mesi fa ho aperto un canale YouTube chiamato Il Morry / ilcanaledimorry con un preciso intento, ovvero promuovere la Black Music in Italia, paese da sempre discriminatorio nei confronti di alcuni generi musicali, specie l’hip hop. 

Cosa intendo con questa affermazione? E’ facile, i negozi vendono troppi pochi dischi di questo genere musicale, gli artisti non fanno concerti nelle nostre città, e questo a noi non va bene. Non mi sembra normale che altre nazioni come la Svizzera o il Belgio siano molto più aperti da questo punto di vista.

Quelli che potete vedere sul canale sono (e saranno) brevi consigli musicali sugli album che più mi hanno colpito negli ultimi anni, certamente degni di essere trasmessi dalle nostre radio, ed essere affiancati a tutta quella melma commerciale che viene continuamente mandata in onda.

Pagina Facebook: https://facebook.com/ilmorry

Vi ringrazio tanto per l’attenzione e ci vediamo (lo spero) sul canale.

- Maurice -

Il panorama italiano si arricchisce di nuovi nomi: Huge + Dumb, il primo un rapper, il secondo un produttore.

Questi due ragazzi hanno finalmente pubblicato il loro singolo di lancio “Dentro I Miei Giorni” accompagnato dal video prodotto da Valentina Bertani. Nel brano è altrettanto presente Helena, cantante che aggiunge sonorità pop ad un prodotto principalmente underground. La strumentale fonde d’altra parte ritmi hip hop ad influenze elettroniche e dance.

Il nome dell’etichetta è Infinite Dreamz.

Link iTunes: http://tinyurl.com/ncq67th

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/HugeandDumb

Da oggi tocca al pubblico decidere quale direzione prenderà questa nuova e lungimirante carriera musicale (in lavorazione l’intero album).

- Maurice -

Le vacanze hanno sempre un doppio taglio a mio modo di vedere: da un lato ti ritrovi spensierato e senza impegni, dall’altro perdi molto di quel ritmo che avevi ottenuto durante i periodi invernali. Queste situazioni hanno un bel po’ rallentato il nostro blog, e per questo io e Krynor chiediamo venia per l’attesa.

Tornando al nostro consueto lavoro di scrittori, vorrei utilizzare questo mio spazio per accennarvi ad uno dei film fantasy, con tanto di notevole azione, migliori degli ultimi anni. Parlo di "Elysium", ennesima pellicola che mi ha trasportato al cinema ricorrendo alla solita scommessa: non leggere nè vedere trama e trailer.

Bhe, questa volta l’esperimento è riuscito alla grande!

- Maurice -

Anche le mie vacanze possono avere non uno ma ben tre risvolti negativi:

  1. mancanza totale, o quasi, di film;
  2. impossibilità di avere qualsiasi album a disposizione;
  3. parziale isolamento dal mondo.

Ah, maledetto internet limitato!

Con le poche risorse di dati che ho a disposizione, sono ancora in grado di pronunciare qualche parola per il blog, questa volta facendo riferimento all’ultimo disco di JAY-Z.

Il “caso” vuole che “Magna Carta Holy Grail” abbia già venduto 1M di copie senza la presenza di veri e propri singoli (partnership con Samsung); tra l’altro con l’utilizzo di un curioso metodo di diffusione. Invito tutti ad effettuare qualche ricerca.

Detto ciò, vi auguro buona visione e buone vacanze.

- Maurice -

Ieri sera ho visto Wolverine l’Immortale. Posso già dire che il film non è malaccio, anche se la parte centrale è un tantino noiosa, e certi risvolti della trama sono molto prevedibili.

Comunque è un buon cinefumetto, il solito discreto cinefumetto.

Adesso parliamo dell’unica cosa che mi ha fatto storcere il naso, ma per parlarne vi dovrò spoilerare la scena dopo i titoli di coda, quindi se volete conservare la sorpresa terminate qui la lettura del post.

——————————————————————————————————————————————-

Devo ammettere che una improvvisa erezione l’ho avuta, nel rivedere Ian McKellen e Patrick Stewart nelle loro vesti supereroistiche. Però l’emozione è durata poco ed è stata subito sostituita da una sensazione di disagio. C’è bisogno di fare un ennesimo film sugli XMen? Non stiamo un tantino abusando di questo prodotto? Wolverine stesso, pensandoci, si è fatto metà dei film marveliani. È sicuramente uno dei personaggi più interessanti, 7 film con Iron Man non li potrei reggere (ma anche 7 film con Batman, duballe), però dai, basta. Avete un roster di supereroi che farebbe invidia al pantheon greco.

-Krynor

Ci sono momenti in cui ti rendi conto (non vuol essere una frase alla Facebook) di voler dare una spinta alla tua vita e di voler cambiare le cose che ti circondano.

Ultimamente mi sono sempre più chiesto se ne valesse la pena acquistare cd musicali in formato fisico viste le “maledette” creazioni di iTunes, Spotify e compagnia bella. La mia risposta è rimasta pur sempre “sì”, ma con due precise finalità:

  1. confermare la presenza di persone che acquistano ancora album di persona,
  2. dimostrare che esistono precisi motivi per cui comperare dei cd nel nostro paese.

Ma mi spiego meglio. Nel video in alto potrete notare il mio più preciso intento, con qualche dettaglio, in meno di 1 minuto.

I cambiamenti non li si fanno da soli.

- Maurice/Il Morry -

Una domanda che vorrei fare a chi cavalca l’onda del successo in questo momento è: “come vi immaginate che sarete voi e la vostra musica a 66 anni?

Sono pochi quelli che invecchiano davvero bene, chi riesce a partorire ancora della buona musica e a non campare sui successi di un tempo.

Per rimanere a tema Sabato scorso ho visto Mark Knopfler a Roma. Inutile dire che sono questi i modelli a cui bisognerebbe ispirarsi. Alla fine del concerto il parterre chiamava a gran voce Sultans of Swing, e lui che ha fatto? Se ne è sbattuto. Non per cattiveria ma per dire “ragazzi guardate che io posso fare molte cose di valore, ascoltate questa”, ed è partita una favolosa Piper to the End.

-Krynor

Una via di mezzo tra “Evangelion” e “Transformers” il nuovo "Pacific Rim", e per l’amor del cielo non intendo di qualità.

190 milioni di budget dovrebbero far sperare in un colossal, in un film che non dimenticheremo mai: esperimento malriuscito.

Guillermo (non Benicio; conoscevo solo lui ma poi mi sono informato) Del Toro ci ha provato in tutti modi, tra notevoli mazzate di giganti di ferro contro alieni e distruzioni degne di una terza guerra mondiale. Ma continuerò sempre a dire questa frase

Non basta!

Ci sono componenti imprescindibili che rendano un film “buono” secondo il mio modo di vedere, quali una trama ben costruita con sfaccettature psicologiche e molteplici interpretazioni di ciò che si sta guardando. 

Negli spettatori deve rimanere qualcosa, può essere anche dell’amaro in bocca, la cosa importante è che la gente ci pensi e ripensi, si confronti con altri e si vada a spulciare le pagine web per comprendere appieno il tutto.

- Maurice -

Nel frattempo Bruce Springsteen a Roma sta facendo probabilmente il suo miglior concerto di sempre. In realtà no, perché sono sicuro che si direbbe la stessa cosa di quello dopo, e poi di quello dopo ancora, e poi così fino al suo ultimo. Però è anche vero che ha fatto 3 delle mia canzoni preferite in assoluto e sto rosicando da matti.

Veramente ragazzi, sto seriamente bestemmiando. Però sono anche felice. Sono felice perché anche se è un concerto a cui non sto assistendo, sono sicuro che sta uscendo un concerto da dio. Bruce sta facendo felice molta gente, e molti non si rendono neanche conto di cosa stanno vedendo. E qui, a Bari, con problemi di meccanica e termodinamica davanti, non posso non confessare che una lacrimuccia mi è scesa, immaginandomi NY CITY SERENADE live, con tutta Roma commossa ed emozionata.

Non voglio entrare nei particolari, perchè diamine, il concerto non lo sto vedendo. Ma me lo sto immaginando. Ed è bellissimo.

-Krynor

Oggi volevo farvi sentire qualcosa di diverso, di rock, e di italiano. L’ultimo disco dei Cheap Wine è la scelta migliore. Avrei potuto prendere uno qualunque dei prezzi che compongono questo album roots rock perché ogni traccia è perfetta.

Come le migliori band, questa è poco conosciuta, soffocata dalla concorrenza spietata di musica molto più commerciale e commerciabile (Ligabue, Nek, e co.).

Buon ascolto!

-Krynor

Sperimentare, sperimentare e ancora sperimentare.

Kanye West in questa tecnica si rivela sempre un maestro e un grande innovatore.

Il sorprendente successo che sta ottenendo anche nel nostro paese, almeno a livello web, è giustificato dalle capacità del genio di saper fondere più gusti musicali, dando vita ad una sorta di commistione tra techno (ci sono anche i Daft Punk), hip hop e in parte uno pseudo rock.

Dal punto di vista delle tematiche ho voluto scegliere proprio questo brano poichè è quello che riassume un po’ tutta l’idea: "Io sono un Dio". No, non un dio dotato di superpoteri, bensì una persona capace di essere e possedere qualsiasi cosa (è chiaro il collegamento al potere del denaro).

Veloce a portarmi quel cornetto!

- Maurice - 

A distanza di un anno e più dall’ultimo album “Ambition”, il rapper Wale torna sulla scena, forse con eccessivo clamore rispetto al suo risultato finale.

"The Gifted" nasce da registrazioni in studio cominciate nel 2011, e il video di oggi si tratta del secondo singolo dopo il buon successo ottenuto con “Bad”, traccia di cui troviamo il remix con Rihanna nel disco.

Lo staff ha cercato di esasperare l’attesa del cd fornendo ben quattro trailer che andavano a riassumere il concetto di base di tutta l’opera, ovvero far capire come il dono del talento faccia parte di poche persone nella nostra società.

Complessivamente si tratta di un buon risultato, soprattutto se ci si concentra su questa “LoveHate Thing” che rende tributo a Marvin Gaye, ma per lo meno gli artisti devono essere in grado di capire sino a dove spingersi, senza dover cadere in futili esagerazioni col rischio di sembrare spesso ridicoli.

- Maurice -

Tu ed io dividiamo un segreto: sappiamo quanto sia facile uccidere qualcuno.

I film di Cristopher Nolan, come tutti d’altronde, possono piacere o meno, ma è indubbio che sia un regista con le palle cubiche. Sarà che dopo aver visto Man of Steel qualunque film mi appare tecnicamente perfetto, fatto sta che questo Insomnia mi ha veramente affascinato.

E poi diciamocelo: quanto è orgasmico un duello Al Pacino vs Robin Williams?

Guardatelo, ragazzi, ne vale la pena.

-Krynor

Puntata col maestro di musica Hit-Boy.

Produzioni maggiori: “Niggas In Paris”, “Drop The World” e “Goldie”.

Non c’è motivo per cui questi artisti, perchè tali sono, debbano avere meno visibilità dei cantanti stessi, e i social networks lo dimostrano.

Lasciando da parte il suo ultimo mixtape “All i Ever Dreamed Of” assieme alla gruppo HS87 dove appare anche come rapper (tanto più), noi ascoltatori dovremmo solo ringraziare i geni come lui poichè rappresentano la base della musica che passa attraverso i nostri apparecchi elettronici.

Quello appena condiviso è una sorta di mini documentario con cui scoprire le abilità di questo ragazzo. Vediamolo all’opera.

- Maurice -

Le case di produzione cinematografiche hanno un solo obiettivo. Fare soldi. Come poi venga raggiunto questo scopo non ha importanza.

Con questa filosofia il target di un film è sempre l’utente medio. E le riflessioni dell’utente medio appassionato di fumetti e cinecomics sono:

  1. Quanto è simile al fumetto?
  2. Fine.

Mi dispiace essere così drastico, ma la realtà è questa. L’utente medio è un utente ignorante. La cosa bella del cinema è che è un’arte che permette grandi sperimentazioni. Fare dei film che siano l’esatta copia di un fumetto è una puttanata. 

Volete che io sia diretto? Bene. 

  • Questa pettinatura alla Javier Zanetti fa schifo, non si può guardare.
  • Il costume non l’hanno modernizzato, è il solito costume tremendo e inguardabile di sempre. Il tessuto sarà pure diverso ma resta qualcosa uscito fuori da una sfilata di moda di sessanta anni fa.
  • Sei un supereroe che vuole salvare l’umanità? Bene, prendi i tuoi nemici e valli a combattere su Marte. Ti rendi conto che stai distruggendo MEZZA CITTA’? In questo film muoiono non si sa quante persone, e almeno la metà è per causa dei danni che faceva il protagonista stesso (è però una caratteristica di tutti i cinecomics, va detto).

Poi ci sono certe scelte registiche che mi hanno fatto rabbrividire. VUOI TENERE QUELLA CAZZO DI TELECAMERA FERMA? NON È UN DOCUMENTARIO, NON SONO RIPRESE DI UN TELEGIORNALE. Perché il film è così lento? È normale sbadigliare in un film che teoricamente dovrebbe tenerti appiccicato allo schermo per tutto il tempo? Perché tutti questi flashback disordinati? Perché in un flashback è un ragazzo, in quello dopo è un bambino, in quello dopo di nuovo un ragazzo, MA OOOH? Sto perdendo la calma, mi devo tranquillizzare.

Arrivato a questo punto penserete che questo film non mi sia piaciuto affatto. Invece tante cose non mi sono piaciute, tante mi hanno invece garbato.

Gli attori, le musiche (con Zimmer si vince facile), gli effetti speciali, l’antagonista (finalmente uno coi controcazzi, quante volte avete pensato in un film di supereroi che il buono potesse perdere? Io mai, in questo film sì), Krypton, Amy Adams (stai tosta), il ruolo dei due padri (Russel Crowe e Kevin Costner… Oltretutto chi non vorrebbe come padri due Robin Hood?), la crescita psicologica del protagonista, il rapporto stesso del protagonista con la società al momento della rivelazione, ma poi, soprattutto, i combattimenti. Questi sono dei veri combattimenti tra supereroi. Dovreste vedere questo film anche solo per questo motivo. Lo scontro finale di Man of Steel è il miglior scontro finale di sempre, violento, cattivo, adrenalinico, fantastico.

In conclusione cos’è l’Uomo d’Acciaio? È un cinecomic carino, girato male ma che racconta una storia davvero bella. Un film che consiglierei di vedere partendo dal presupposto che è un film di intrattenimento e nulla più.

-Krynor